TOUR NAMASTE

TOUR PRIVATO
 

Delhi

8 Giorni / 7 Notti - Partenze giornaliere su base privata con guida locale parlante italiano o inglese (LEP)

Itinerario: Delhi, Agra, Jaipur, Fatehpur Sikri, Jaipur, Jodhpur, Ranakpur, Udaipur

TOUR NAMASTE

Itinerario: Delhi, Agra, Jaipur, Fatehpur Sikri, Jaipur, Jodhpur, Ranakpur, Udaipur

8 Giorni / 7 Notti
Partenze giornaliere su base privata con guida locale parlante italiano o inglese

Da / A Delhi / Udaipur
Assistenza Guida locale
Lingua Inglese / Italiano (italiano al seguito con supplemento)
Pasti 7 colazioni (B)
Voli

Effettuazione Garantita minimo 2 persone

Hotel Cat. Standard
Delhi = Jaypee Siddharth
Agra = Crystal Sarovar Premier
Jaipur = Holiday Inn Central
Jodhpur = Ranbanka Palace
Udaipur = Ramada Udaipur Resort & Spa

Hotel Cat. Superior
Delhi = The Grand
Agra = Double Tree by Hilton
Jaipur = Hilton
Jodhpur = Welcome Jodhpur
Udaipur = Lalit Laxmi Vilas Palace


La quota comprende:
- hotel con prima colazione
- pasti come da programma
- trasferimenti ed escursioni come da programma con vettura con aria condizionata
- guida locale parlante inglese (in italiano, soggetta a disponibilità solo a Delhi, Agra, Jaipur e Mumbai) o in italiano al seguito con supplemento
- biglietti di ingresso nei luoghi delle visite

La quota non comprende:
- pasti e bevande non incluse nel programma
- mance ad autisti e guide ed extra personali
- voli intercontinentali e tasse aeroportuali
- quota apertura pratica
- assicurazione medico bagaglio base
- tutto quanto non espressamente menzionato alla voce “la quota comprende”


1° Giorno - Delhi

Assistenza in aeroporto e trasferimento in hotel.
Pernottamento.


2° Giorno - Delhi

Dopo la prima colazione, dalle ore 10.00, dopo la prima colazione, intera giornata dedicata alla visita della città.
Old Delhi: il Cenotafio di Gandhi, la Moschea del Venerdì, la Moschea Jamma Mashid, il Raj Ghat, luogo della cremazione di Gandhi , il Chandni Chowk e Gurudwara (il tempio dei Sikh).
New Delhi: il centro commerciale di Delhi con Connaught Place, il mercatino Nepalese, Qutub Minar, Birla Mandir, il Lotus Temple e la Porta dell'India, memoriale della guerra.
Pernottamento.


3° Giorno - Delhi – Agra (225 km – 4 ore)

Dopo la prima colazione, partenza in automezzo privato per Agra (204 Km/4 ore circa).
All’arrivo, sistemazione in hotel.
Pomeriggio dedicato alla visita della città.
Visita al Forte Rosso, fatto costruire dall'Imperatore Akbar in arenaria rossa e successivamente arricchito con marmi pregiati.
Pernottamento.


4° Giorno - Agra – Fatehpur Sikri – Jaipur (240 Km/5 ore circa)

Visita al Taj Mahal (chiuso il venerdì), probabilmente il monumento più fotografato al mondo. Non importa quante immagini abbiate già visto e quali siano le Vostre aspettative, lo spettacolo offerto sarà sempre unico ed emozionante. Monumento del quarto Mogol, Shahjehan costruito nel 1630 in memoria della moglie Mumtaz Mahal; visita alla sala delle Udienze pubbliche e private e infine la Moschea di "Perle".
Taj Mahal significa "Palazzo della Corona" ed è di fatto la più bella e meglio conservata tomba del mondo. Edwin Arnold, un poeta inglese l'ha ben descritto dicendo :" Non un pezzo di architettura, come sono altri edifici , ma la passione orgogliosa di un imperatore trasformata in pietre viventi." Il Taj Mahal si trova sulle rive del fiume Yamuna. Fu costruito dal quinto imperatore Mughal , Shah Jahan, nel 1631 in memoria della sua seconda moglie, Mumtaz Mahal, che era una principessa originaria della Persia. Mumtaz Mahal mori' mentre accompagnava suo marito a Behrampur, durante una campagna per schiacciare una ribellione. Aveva appena dato alla luce il loro quattordicesimo figlio. La sua morte fu un vera tragedia per l'imperatore, al punto che i suoi capelli e la sua barba nel giro di pochi mesi diventarono completamente bianchi per il dolore. Mentre Mumtaz Mahal era ancora in vita, aveva chiesto all'imperatore di farle quattro promesse nel caso in cui fosse morta prima di lui. Per prima promessa gli chiese di costruire il Taj; la seconda era che si sarebbe dovuto sposare di nuovo per dare una nuova mamma ai loro figli; la terza promessa era che sarebbe sempre stato buono e comprensivo con i loro figli; e la quarta, che avrebbe sempre visitato la sua tomba nell'anniversario della sua morte. La costruzione del Taj Mahal iniziò nel 1631 ed venne completata in 22 anni. Ventimila persone vennero impiegate per la sua costruzione, e fu disegnato dall'architetto iraniano Istad Usa. Il modo migliore per apprezzare la sua meravigliosa architettura ed i suoi ornamenti preziosi, è quello di vederli con gli occhi dell'amore che l' Imperatore aveva per la moglie Mumtaz Mahal. E' sicuramente un "simbolo di amore eterno."
Dopo aver seppellito l'imperatrice a Behrampur, dove era morta , era tempo che l'imperatore tenesse fede alla sua promessa e costruisse una tomba. Ma visto che era praticamente impossibile trasferire tutto il marmo necessario là, Agra venne scelta come l'unica alternativa, e la tomba di Mumtaz Mahal venne trasferita ad Agra dove fu posta nel Taj Mahal quando venne ultimata la sua costruzione ventidue anni più tardi. Il Taj sorge su una base di pietra arenaria rossa sormontata da un'enorme terrazzo di marmo bianco sul quale si posa la famosa cupola affiancata dai quattro minareti affusolati. La cupola è fatta di marmo bianco, ma la sua posizione vicino al fiume fa si' che un magico gioco di colori che cambiano durante le ore del giorno e a seconda delle stagioni, diano al Taj Mahal riflessi di colori che lo rendono unico ma sempre diverso. Come un gioiello, il Taj scintilla al chiaro di luna quando le pietre semi-preziose incastonate nel marmo bianco sul mausoleo principale afferrano il bagliore dei raggi della luna. Il Taj è rosato al mattino, bianco latteo alla sera e d'oro quando la luna splende. Sembra quasi che questi cambi di colore rispecchino la mutevolezza dell'umore femminile, o almeno così si dice in India. Ognuna delle persone che lo hanno visitato, molto probabilmente ne è stato affascinata per motivi diversi e ne ha un ricordo tutto suo. Ma per descriverlo sarebbe sufficiente dire che il Taj Mahal vive, in quanto monumento dedicato all'amore eterno.

Partenza in automezzo privato per Jaipur visitando lungo il percorso Fatehpur Sikri: costruita nel 1569 per commemorare la nascita del figlio dell'imperatore Akbar, poi abbandonata per esaurimento delle risorse idriche; tuttora in perfetto stato di conservazione, rispecchia la fusione dell'architettura indo-islamica ed emana un'atmosfera di incomparabile bellezza e maestosità: la tomba di Salim Chishti, Panch Mahal, Jama Masjid e altri palazzi.
Proseguimento per Jaipur e, all’arrivo, sistemazione in hotel.
Pernottamento.


5° Giorno - Jaipur

Dopo la prima colazione, escursione al forte Amber, capitale del Kachwaha fino al 1728 con salita alla cittadella a dorso di elefante; visita di Jagmandir o sala della Vittoria con splendenti specchi, Jai Mahal e il tempio di Kali.
Pomeriggio visita della città: sede dei Rajput del clan Kachwaha dal 1728, è stata fondata dal Maharaja Jai Singh II in quell'anno e costruita in pietra rosa di grande effetto scenografico; visita del palazzo del Maharaja comprendente l'Osservatorio Astronomico di Jai Singh II e il Palazzo dei Venti. Jaipur è inoltre sede dell'industria del taglio di pietre preziose e vi si trovano innumerevoli botteghe di orefici.
Pernottamento.


6° Giorno - Jaipur – Jodhpur (340 km / 7 ore circa)

Dopo la prima colazione, partenza in automezzo privato per Jodhpur.
All’arrivo, sistemazione in hotel.
Pomeriggio dedicato alla visita della città: fondata nel 1459 da un principe Rajput, sorge ai confini orientali del grande deserto del Thar. Fu la capitale del regno di Marwar, la terra della morte, così chiamato per lo spirito bellicoso delle sue genti e l'aridità del suolo. La parte più antica della città è circondata da mura lunghe 10 chilometri; otto porte invitano a penetrare in un dedalo di viuzze e stradine, tracciate in mezzo a una miriade di case bianche, ocra e soprattutto azzurre, il colore distintivo della casta dei brahamini. La città è dominata dalla massiccia e maestosa Fortezza Mehrangarh, che sorge su un isolato sperone roccioso alto 125 metri e che racchiude ancora una serie di cortili e i tre grandi Palazzi della Perla, dei Fiori, del Piacere (che ospitano incredibili collezioni di insegne reali indiane, armi, selle per elefante, miniature, strumenti musicali e addirittura una tenda degli imperatori Moghul conquistata dai Rajput in battaglia). Da non perdere gli appartamenti del Maharaja e la sala del trono.
Pernottamento.


7° Giorno - Jodhpur – Ranakpur – Udaipur (240 km / 5 ore)

Dopo la prima colazione, partenza in automezzo privato per Udaipur.
Lungo il percorso, sosta e visita di Ranakpur: aldilà degli alti colli Aravalli, dove si visita un bellissimo santuario Jain del XV secolo formato da 29 sale sostenute da 1444 pilastri preziosamente scolpiti.
Proseguimento per Udaipur e, all’arrivo, sistemazione in hotel.
In serata è prevista una caratteristica gita in barca (non private) sul Lago Pichola, il più bello dei laghi di Udaipur.
Pernottamento.


8° Giorno - Udaipur

Dopo la prima colazione, visita della città.
E' l'antica capitale dell'orgoglioso e bellicoso regno del Mewar, che conservò la sua indipendenza dall'impero Moghul sino al 1614. E' situata in una valle al centro di colline ricoperte da boschi, una vera oasi nell'arido deserto del Rajastan. Si estende sulle rive di tre antichi laghi artificiali costruiti secoli fa per l'irrigazione.
Qui si può vedere il City Palace, il più grande palazzo di tutto il Rajastan, oggi trasformato in museo, dalle cui terrazze si gode un vasto panorama sul lago Pichola. Il palazzo possiede innumerevoli meraviglie e curiosità, come le venti stalle per gli elefanti, il cortile dei Pavoni, disegnati con migliaia di pezzi di vetro colorato, le abbaglianti ricchezze dell'appartamento del principe. La sponda orientale del lago è occupata dal palazzo, quella meridionale ospita un lussureggiante giardino, mentre ampie gradinate che portano alla riva sorgono su quella settentrionale. Al centro del lago sorgono due isolette, raggiungibili in barca, con le ex residenze estive dei principi, in granito e marmo bianco. Una di queste è il Lake Palace, oggi trasformato in albergo principesco che conserva un'atmosfera da "Mille e una notte. Visita del tempio Jagdish dedicato a Visnu che rappresenta uno dei migliori esempi di architettura indo-ariana e i giardini; visita di Sahelion Ki Bari, luogo di soggiorno degli amici della regina, Bhartiya Lok Kala Mandir, museo d'arte Folk, e del Bazar.
Trasferimento in aeroporto per la partenza con volo pomeridiano.
mini guida Mini guida    |    Condividi su: facebooktwitter
MOSTRA MAPPA   vedi
NASCONDI MAPPA   nascondi